Gli operatori privati estendono ulteriormente le proprie reti DAB+

Nella seconda metà del 2017, gli operatori nazionali privati che sviluppano la radio digitale DAB+, DAB Italia e EuroDAB Italia, hanno attivato senza sosta nuovi impianti, alcuni a potenziamento del proprio servizio nelle aree dove il segnale era già ricevibile in mobilità outdoor, altri a servizio di nuove città e relativi tratti autostradali/strade principali.

Riportiamo integralmente l’ultima news sul sito di DAB Italia:

Nella seconda metà dello scorso anno,  DAB Italia ha attivato 11 nuovi impianti nelle regioni del Piemonte, Veneto, Lombardia, Trentino, Liguria, Umbria, Lazio e  Abruzzo. Dopo la pausa estiva, a settembre sono stati attivati 2 nuovi impianti in Piemonte a servizio delle città di Biella, Ivrea e zone limitrofe; a novembre ne sono stati attivati 3, il primo a servizio della città di Civitavecchia compreso il tratto autostradale tra Fregene e Tarquinia nel Lazio, a seguire la città di Terni e dintorni in Umbria e Belluno nel Veneto compresa una buona parte della Valbelluna; in volata finale nel mese di dicembre i nuovi impianti sono stati 6:  il primo a potenziamento del servizio su Bergamo e dintorni, a seguire l’impianto a servizio dell’alto Lago di Como e la parte della Valtellina che l’impianto di Sondrio non poteva servire, il terzo in Trentino a servizio della Valsugana e nello stesso giorno a Pedavena nel Veneto. Il 19 è stato attivato un nuovo impianto in Liguria su La Spezia e su tutto il Golfo dei Poeti, per ultimo finalmente è stato attivato l’impianto di Avezzano a servizio dell’intera Piana del Fucino in Abruzzo.

EuroDAB Italia ha attivato in Toscana un nuovo impianto a Firenze per coprire Firenze sud fino a tutta la Valdarno e un’altro ad Arezzo e relativo tratto autostradale A1; in Campania a Salerno e provincia, in Sicilia a Trapani e zone limitrofe, compresa la città di Marsala.

Buon ascolto, allora!