Radio Italia RAP sbarca sul DAB+

RADIO ITALIA RAP è ora ricevibile in digitale terrestre DAB+ su gran parte del territorio nazionale.

L’offerta del Gruppo Radio Italia per questo genere musicale prettamente giovanile, aggiunge un nuovo importante tassello riferito alla distribuzione del segnale.

Dopo l’attivazione del canale tv, RADIO ITALIA RAP TV,  in HD sul canale 726 di SKY e 54 di TivùSat, è ora presente sul multiplex del consorzio nazionale EuroDAB Italia.

RADIO ITALIA RAP è anche una web radio e un programma radiofonico in onda su Radio Italia Solomusicaitaliana tutte le domeniche dalle 23.00 alle 00.00, appuntamento condotto dalla speaker Manola Moslehi.

RADIO ITALIA RAP dà spazio non solo alla musica, ma anche alle interviste e ai tour di alcuni degli artisti più amati e seguiti nel mondo rap, trap e hip hop italiano.

Si può ascoltare RADIO ITALIA RAP anche sul canale 717 del digitale terrestre e tramite l’app iRadioItalia. E’ attivo su Instagram il profilo “radioitaliarap” dedicato a tutte le novità e iniziative.

Buon ascolto!

 

Francia, le emittenti nazionali private vogliono investire sul DAB+

Si può definire storica la giornata del 21 novembre 2018 per il processo di sviluppo della radio digitale terrestre DAB+ in Francia.

I 4 maggiori gruppi radiofonici nazionali privati – M6, NextRadioTV, Lagardere, NRJ – hanno presentato domanda di autorizzazione per sviluppare il servizio in digitale DAB+ dei loro programmi.

Il bando della CSA, il Consiglio Superiore dell’Audiovisivo, definisce una road-map di sviluppo della rete DAB+ dalla fine del 2018  fino ai prossimi 8 anni.  Il servizio della radio digitale DAB+ dovrebbe, così,  raggiungere il 20% della popolazione francese e delle autostrade nazionali entro la fine del 2018, con il traguardo, nei prossimi 8 anni, del 90% delle autostrade francesi ed il 75% della popolazione nazionale. Gli operatori autorizzati avranno l’obbligo di relazionare il Consiglio su quanto realizzato e le difficoltà incontrate a fine di ogni anno.

La Francia, insieme all’Italia (dal 1 gennaio 2020), è il secondo paese che ha introdotto l’obbligo di vendita al pubblico di ricevitori dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre DAB+ su qualsiasi piattaforma commerciale. Infatti, una legge francese del 2009 impone la vendita di ricevitori radio dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre quando la copertura dei servizi DAB+ avrà superato la soglia del 20% della popolazione (probabilmente entro la fine del 2018).

Attualmente, il servizio DAB+ a carattere locale copre le città di Parigi, Marsiglia, Nizza, Lille e l’Hauts-de-France con oltre 100 programmi.

Per maggiori informazioni, vai al sito DABplus.fr

Black Friday 2018, tante offerte su radio digitali DAB+, approfittane!

Dal 1 gennaio 2020 scatta  l’obbligo di legge per la vendita al pubblico di ricevitori radio (autoradio, radio fisse da casa, radio portatili e smartphone con radio ) dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre DAB+ su qualsiasi piattaforma commerciale.

E perchè non approfittare della vasta offerta durante il Black Friday 2018?!

Di seguito le offerte su diversi negozi on line:

PS: fare attenzione all’atto di acquisto di un apparato radio digitale, è opportuno accertarsi che riceva lo standard DAB+.
L’Autorità italiana per le garanzie nelle comunicazioni ha adottato lo standard DAB+ per la radio digitale.

Radio Digitale, il Parlamento Europeo sostiene la dotazione del DAB+ in auto.

Ieri in sessione plenaria, il Parlamento europeo ha formalmente approvato  il nuovo Codice Europeo delle Comunicazioni Elettroniche. La presente Direttiva richiede che tutte le nuove autoradio nell’UE siano in grado di ricevere la radio digitale terrestre (DAB+). Questo requisito è in aggiunta a qualsiasi funzionalità FM o AM.

Il nuovo Codice Europeo facilita la transizione verso la radio digitale.

Il nuovo Codice Europeo garantirà a tutti i conducenti di auto, ovunque nell’UE l’abbiano acquistata,  l’accesso ai vantaggi che la radio digitale terrestre DAB+ offre:

  • una ricezione  stabile  con ottima qualità audio,
  • senza costi aggiuntivi,  senza abbonamento, 
  • un servizio libero, universalmente disponibile e non suscettibile di sovraccarico di dati,
  • maggiore scelta di programmi e servizi dati che verranno forniti a milioni di conducenti in tutta l’Unione europea.

I prossimi passaggi del procedimento legislativo della Direttiva saranno:  approvazione formale da parte del Consiglio e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea all’inizio del 2019. A  quel punto la Direttiva entrerà in vigore, dopo di che queste norme dovranno essere recepite entro due anni dalle legislazioni nazionali di ogni paese membro dell’Unione Europea.

In Italia è già  stata introdotta la legge che impone dal 1 giugno 2019  l’obbligo per importatori, catene commerciali e settore automobilistico di approvvigionarsi di ricevitori radio (autoradio, radio fisse da casa, radio portatili e smartphone con radio ) dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre DAB+. Dal 1 gennaio 2020 l’obbligo si estende alla vendita al pubblico su qualsiasi piattaforma commerciale.

La Francia ha, già anni fa, approvato una legge che impone il medesimo obbligo quando la copertura dei servizi DAB + supereranno il 20% della popolazione nazionale. Nel contesto dell’ultima Assemblea generale del WorldDAB, appena conclusasi a Berlino, il CSA (Consiglio Superiore dell’Audiovisivo) ha dichiarato che molto probabilmente avverrà entro la fine del 2018.

Il testo completo è disponibile.