Obbligo di vendita radio digitali, anche in Francia inizia il conto alla rovescia

Oggi in Francia il CSA, Consiglio Superiore dell’Audiovisivo, annuncia che il servizio della radio digitale terrestre DAB+ supera il 20% della popolazione (21,3%).

Pertanto, dopo l’Italia, la Francia è il secondo paese europeo che anticipa la direttiva del nuovo Codice europeo delle Comunicazioni Elettroniche relativa all’obbligo di vendita di autoradio digitali DAB+ su tutti i nuovi modelli auto.

Con 71 programmi Sirti, che dal 1971 riunisce 169 emittenti locali, serve le aree metropolitane di Lille, Lione, Marsiglia, Nizza, Parigi e Strasburgo.

Anche i maggiori gruppi radiofonici nazionali hanno manifestato interesse a trasmettere in digitale i propri programmi.

Il superamento della soglia di copertura del 20% della popolazione francese segna il punto di partenza per l’obbligo legislativo di commercializzare dispositivi dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre (DAB+). 

La graduale modernizzazione del parco ricevitori sarà effettuata in tre fasi:

  • entro 3 mesi per gli apparecchi radio in grado di visualizzare contenuti multimediali;
  • entro 12 mesi per i ricevitori radio (tranne le autoradio);
  • entro 18 mesi per le autoradio.

Anno 2018, DAB a gogò!

L’anno che sta per finire – il 2018 – è un anno significativo per lo sviluppo della radio digitale DAB+  a livello internazionale, ma soprattutto a casa nostra.

L’estensione della copertura DAB+ è uno dei fattori chiave del processo di sviluppo della radio digitale. Gli operatori nazionali privati si sono impegnati  notevolmente nell’estensione delle proprie reti su tutto il territorio nazionale.

Vi proponiamo l’elenco delle attivazioni nel 2018:

DAB ITALIA:

  • Valle D’Aosta, è attivato un impianto a Saint-Vincent per migliorare il servizio tra Fenis e Arnad
  • Liguria, un nuovo impianto migliora il servizio lungo il tratto autostradale A7 tra la città di Genova e Roncoscrivia
  • Emilia Romagna, due nuovi impianti, a Bertinoro a servizio della provincia di Forlì – Cesena, a Bagno di Romagna per la copertura di una parte del tratto appenninico della E45
  • Toscana, due sono i nuovi impianti uno a potenziamento del servizio sulla città di Grosseto, l’altro a copertura del tratto autostradale A15 tra Aulla ed il Valico della Cisa
  • Marche, sono stati attivati tre impianti nuovi, a Pesaro per potenziare la ricezione indoor e per coprire il tratto autostradale fino ad Ancona, a Senigallia ed Ascoli Piceno
  • Calabria, attivati due impianti per servire la costa tra Lamezia Terme e Scilla e la zona tra Castrovillari e Cosenza
  • Sicilia è attivo un nuovo impianto a Carini per servire la costa siciliana tra Palermo e San Vito Lo Capo
  • Gli ultimi due impianti attivati da poco sono, il primo, a servizio della tratta A2 tra Varcovalle (Basilicata) e Sala Consilina, il secondo in Puglia a servizio di Monopoli (Bari)
  • Abruzzo, due sono gli impianti nuovi a servizio dell’autostrada Roma-Pescara

EURODAB ITALIA:

  • Lombardia, nuovo impianto in provincia di Lecco,  area servita: Lecco città e dintorni e il tratto di lago verso Mandello
  • Friuli, nuova attivazione nel capoluogo, Udine, a servizio della pianura friulana, da Udine al confine con il Veneto
  • Sicilia, sono tre i nuovi impianti, uno a servizio del tratto a nord di Palermo, da Isola delle Femmine/Capaci fino a Cinisi; il secondo a servizio del tratto autostradale A19 da Termini Imerese a Enna città e l’ultimo in provincia di Messina, a servizio della costa nord, da Messina a Capo D’Orlando
  • Campania, sono due gli impianti di ultima attivazione entrambi in provincia di Salerno a servizio dei tratti autostradali A3 da Montesano a Lagonegro e  da Polla a Montesano;
  • Basilicata, il nuovo impianto a servizio della città di Potenza, provincia  e tratto autostradale
  • Veneto, a servizio del tratto autostradale A22 da Verona Nord a Rovereto

Buon ascolto!