DAB Italia punta a sud!

Prosegue il programma di estensione della rete di diffusione  DAB Italia, operatore che diffonde i programmi  radiofonici  di Radio DeeJay, RDS, Radio Maria, Radio Capital, Radio 24, R101, m2o e Radio Radicale.

In estate e autunno sono stati attivati 14 nuovi  impianti che hanno significativamente potenziato la copertura estendendosi in aree molto importanti del paese oltre a grandi direttrici autostradali e di grande comunicazione.

Il programma di sviluppo ha interessato al nord l’area veneta potenziando la copertura tra Vicenza e Padova, in lombardia  il servizio sulla città di Varese. Potenziato, inoltre, il servizio sulla città di Torino. In Alto Adige si aggiunge alla  copertura DAB Italia la città di Brunico e parte della Valle Aurina, località turisticamente molto importanti, dove spesso il servizio FM è insufficiente.

Spostandoci al centro è stato attivato un nuovo impianto a servizio della Toscana centrale ed in particolare la città di Siena e le zone limitrofe.

Finalmente è iniziato il servizio in Umbria . DAB Italia offre ora la diffusione non solo sull’A1, ma anche a Perugia, Spoleto e tutte le aree limitrofe, a cui presto si aggiungerà anche il centro della città di Terni.

E’ iniziata anche la copertura della dorsale adriatica con un primo impianto a servizio di Pesaro, Urbino e della direttrice autostradale verso Ancona.

Altre attivazioni hanno riguardato la Campania in modo da permettere la ricezione dei programmi DAB Italia ad Avellino,  Salerno, oltre alla direttrice autostradale Napoli – Bari.

In Puglia il servizio è stato potenziato in maniera significativa. Brindisi, Taranto, Foggia posso ascoltare i programmi di DAB Italia, così come una parte importante della Basilicata dove è coperta  l’area di Potenza.

E allora…buon ascolto!

EBU Brussel office: una giornata di “Talk on Digital Radio”

La scorsa settimana EBU ha dedicato un’interessante giornata a “Talk on Digital Radio”. Nel contesto del convegno aperto al pubblico sono emersi alcuni concetti fondamentali: primo fra tutti  la radio rimane la fonte di informazione più diretta, indipendente ed affidabile per la popolazione in ogni ora del giorno e per questo motivo deve rimanere free-to-air.

E’ un medium importante nel cammino della comunicazione verso la digitalizzazione e non può essere esclusa dal Digital Single Market dell’Unione europea.  Un crescente bisogno di  informazioni disponibili in mobilità non può essere condizionato da onerosi abbonamenti.

Graham Dixon, Head of EBU Radio, che ha anche partecipato a settembre al convegno di Agcom sulla situazione della DigitalRadio  DAB+ in Italia, ha ribadito che la realizzazione di nuovi programmi in FM è impossibile; al contrario lo standard DAB+ (Digital Audio Broadcasting) permette di moltiplicare l’offerta di programmi nuovi ed a carattere tematico nel medesimo multiplex. Un esempio è la new entry R101 Urban Night di Mediaset dedicata ai suoni e musica metropolitana e notturna.

I paesi dell’EU devono sostenere e garantire a livello legislativo rendendo obbligatoria la commercializzazione di apparati analogici e digitali, sia home sia in-car.

In Italia la copertura del servizio DAB+ su nuove aree metropolitane non si arresta, soprattutto nelle regioni del sud Italia e si prevede che a fine 2016 il 75% della popolazione potrà ascoltare la radio digitale DAB+.

Smart Party con Radio DAB+

Smart Italia festeggia il 18th anniversario della Fortwo 70cv e 90cv con un esclusivo equipaggiamento

smart-fortwo

con Smart Audio System e la digital radio DAB+

 

La nuova Panda con la radio DAB+

La Panda 2017 “evolve rimanendo se stessa”! Nulla di più vero! La Panda negli allestimenti Easy, Azzurri e Lounge ha l’UConnect e con solo 100 euro puoi avere la radio DAB+. Optional anche nella versione 4×4 e la Panda Cross.

Inoltre nel mese di ottobre la Panda è in promozione  con il finanziamento MenoMille.

Vai in concessionaria e richiedila!

Convegno Agcom sulla Radio Digitale DAB+

Il 27 settembre si è svolto il primo workshop sulla Radio Digitale DAB+ organizzato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.
Al convegno sono intervenuti i vertici dell’Agcom, esperti internazionali ed importanti rappresentanti del mercato automobilistico e dell’elettronica.
Si è trattato della prima conferenza sul DAB organizzata dalle istituzioni del nostro paese.
Nel suo discorso di apertura del convegno “La Radio digitale in Italia: un’opportunità per i cittadini, il mercato e le imprese”, il presidente Cardani ha confermato la volontà di completare la pianificazione DAB+ su tutto il territorio dando definitiva certezza al mercato ed in particolare al settore automobilistico. L’Autorità auspica che ci sia  un’intervento legislativo che obbliga la commercializzazione di ricevitori FM e DAB+.
Quì la registrazione di tutto il convegno. 

DAB Italia continua l’ampliamento del servizio DAB+

La scorsa settimana l’operatore nazionale DAB Italia ha annunciato l’attivazione di un nuovo impianto nel comune di Bassano del Grappa dedicato al servizio indoor dell’area del Brenta e una parte del Veneto incluse le città di Vicenza, Padova, Mestre e Venezia.

Il primo operatore nazionale cambia denominazione

DAB Italia, il primo operatore nazionale per la DigitalRadio DAB+ cambia nome e rilancia gli investimenti per giungere entro l’anno all’85 % di copertura.

Sul sito www.dab.it  si legge che da oggi è efficace la delibera dell’assemblea dei soci che ha cancellato il “Club” scegliendo la sola DAB Italia come propria denominazione,  più consona ad una struttura sempre più in evoluzione ed economicamente rilevante per il settore radiofonico.

La società consortile per azioni composta dai maggiori gruppi radiofonici nazionali vuole così dare un segnale ancora più forte della propria determinazione nel completare la copertura dell’intero paese. Obiettivo per il 2016 giungere al traguardo dell’85% di servizio per la ricezione in mobilità, oltre 7.500 chilometri di autostrada con un segnale perfetto diffuso con la tecnologia DAB+.

Appena sbarcati nella capitale della Sardegna, DAB Italia sta ora predisponendo l’avvio del servizio su tutta la dorsale adriatica e in Puglia. Sul versante tirrenico estenderà la copertura in Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia secondo la pianificazione recentemente approvata da Agcom per queste regioni. Nei prossimi giorni l’attivazione del servizio in Umbria.

“ Si tratta di un impegno rilevante, sia economico sia tecnologico – dichiara Emanuele Ferrario presidente della società – che vede gli editori radiofonici nazionali impegnati per l’innovazione delle reti radiofoniche. La risposta dei cittadini è positiva, in forte crescita l’offerta DigitalRadio DAB+ sulle auto alla pari del resto d’Europa. Stiamo raggiungendo gli obiettivi che ci eravamo prefissati ed altri ne raggiungeremo, consapevoli che per colmare il gap del nostro Paese rispetto agli altri Stati europei ci sia bisogno di impegno, lavoro ed investimenti e di un mondo, come il nostro, coeso e compatto nell’affrontare il cammino verso il traguardo”.

I programmi nazionali trasmessi in simulcast (FM e DAB+) sono: m2o, R101, RDS, Radio 24 il Sole 24 Ore,  Radio Capital, Radio Deejay, Radio Maria, Radio Radicale e solo in DigitalRadio DAB+: m2o Dance, Capital Music, Capital Funky, RDS Relax, Radio Maria Albania (in albanese), Kc1 Test, Kc2 Test e Kc3 Test.

Studenti ideano la loro radio digitale DAB+

Lo scorso autunno la RAS (Radiotelevisione Azienda Speciale della Provincia Autonoma di Bolzano, Alto Adige) ha dato a disposizione ad alcuni studenti del Istituto Tecnologico Max Valier di Bolzano tutto il materiale tecnico per ideare e realizzare la loro radio digitale.

Queste radio digitali DAB+ sono uniche al mondo ed esprimono design e genialità anche attraverso i molteplici materiali scelti da ogni singolo studente come il legno, l’acciaio, il plexiglass e l’illuminazione a led blu.

Sono state presentate e premiate alla “Giornata dei progetti” ed alcune hanno trovato già degli acquirenti.

RAS auspica che progetti così innovativi coinvolgano sempre più giovani in altre regioni d’Italia.

Complimenti ragazzi!

La DigitalRadio italiana “innesta la terza” …..campagna!

L’attività di comunicazione DigitalRadio continua con un nuovo flight programmato a partire da lunedì 23 maggio e continuerà per 3 settimane nel mese di giugno, per poi proseguire per tutto il 2016 con ulteriori flight.

Come nelle precedenti, la nuova campagna della DigitalRadio è programmata sulle emittenti radio commerciali nazionali e locali. Un’attività di marketing coordinata che coinvolge contemporaneamente 12 emittenti nazionali ed un ampio numero di locali con un’unica forte comunicazione pubblicitaria.

Con più di 1000 spot la campagna avrà una copertura di oltre 23 milioni di ascoltatori.

La pianificazione radiofonica sarà affiancata dalla comunicazione online, gli operatori hanno messo a disposizione degli utenti un sito dedicato: www.digitalradio.it., e dalla stampa quotidiana e periodica.

Una campagna focalizzata sull’ascolto della radio in mobilità: l’automobile è da sempre il luogo principe per l’ascolto della radio ed oggi in Europa il 56% la ascolta in digitale.

Tre i soggetti realizzati per questa nuova campagna intesa come l’evoluzione naturale delle precedenti:

2014: la scopro
2015: la imparo
2016: la uso…e tu?
Quasi l’80% degli italiani ascolta la radio in mobilità quindi l’ambientazione degli spot è venuta naturale all’interno di una macchina, due i protagonisti durante un viaggio, il proprietario ha scelto la sua macchina perché ha la Digitalradio DAB+ e “mostra” al suo compagno/a di viaggio tutti i suoi vantaggi come il suono perfetto, privo di interferenze, facile da usare, nuovi e innovativi servizi (testi e immagini) e in più nuovi contenuti musicali, ricevibili solo in digitale.

La nuova campagna si caratterizza anche per il nuovo logo, visual e audio, “Digitalradio – Il suono perfetto DAB+”. Si ritiene fondamentale ora dare al consumatore l’indicazione precisa della tecnologia (DAB+ ) che gli operatori di rete Club DAB Italia, EuroDAB e RAS stanno sviluppando in Italia, gratuita senza costi aggiuntivi, basta scegliere un ricevitore o un autoradio che oltre all’FM abbia anche il DAB+.

Anche quest’anno la comunicazione è affidata a StudioMarani.

Per tutte le attività di comunicazione, Club DAB Italia ha confermato anche per il 2016 l’agenzia StudioMarani, di Maurizio Marani e Anna Scardovelli – rispettivamente direttore creativo art e direttore creativo copy – che ha realizzato la strategia creativa e i soggetti radio e stampa, oltre alla supervisione di tutte le fasi della produzione.

La Digital Radio è l’evoluzione naturale della Radio.

Con circa 500.000 nuovi ricevitori home e portatili FM/DAB/DAB+ venduti nei maggiori punti vendita italiani, si è arrivati a circa 2 mln di ricevitori in circolazione, 5.000 km di autostrade dove si ascolta in DigitalRadio, il potenziamento della copertura indoor delle aree metropolitane del centro-nord Italia e lo sviluppo della copertura nel Sud, Sardegna e Sicilia: sono questi i numeri della Digital Radio oggi in Italia.

Sempre più ampia l’offerta delle case produttrici di auto, di serie su moltissimi modelli e offerta come optional da tutte le case auto.

Club DAB Italia insieme a EuroDAB Italia sono i due operatori di rete nazionali e privati che stanno promuovendo la radio digitale nel nostro Paese con una copertura attuale del 70% della popolazione e un piano di sviluppo fino all’80% della popolazione entro il 2017.

Trasmettono in Digital Radio: m2o, R101, RDS, RTL 102.5, Radio 24 il Sole 24 Ore, Radio Capital, Radio Deejay, Radio Italia solo musica italiana, Radio Maria, Radio Padania, Radio Radicale, Radio Vaticana.

L’Europa vuole la DigitalRadio su tutte le auto

L’auto è da sempre il luogo principe per l’ascolto della radio e una recente ricerca di mercato afferma che chi acquista un’auto nuova non può fare a meno della radio. Il 56% degli europei riceve la DigitalRadio DAB+. In Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Svizzera, Norvegia e Danimarca il crescente sviluppo della tecnologia digitale radiofonica ha generato la necessità di una collaborazione sempre più stretta tra broadcaster e produttori di automobili.

A Bruxelles si è tenuta la seconda edizione del WorldDAB Automotive, “Drive to digital – Europe”, un evento che ha riunito 150 delegati internazionali: ministri di varie nazioni, produttori di auto, produttori di autoradio, operatori del settore e broadcaster.

Hellen Boaden, Direttore BBC Radio e presidente European Digital Radio Alliance, ha ribadito quanto la digitalizzazione della radio, utilizzando la tecnologia DAB+, sia fondamentale per continuare a garantire alla radio di essere il mezzo semplice, robusto e capillare che è stato sin dalla nascita e che continua a contraddistinguerlo dagli altri medium.

Si è parlato poi dello stato dell’arte della DigitalRadio DAB+ in Europa. I rappresentati di UK, Germania, Norvegia, Svizzera, Italia, Belgio, Danimarca e Olanda hanno illustrato l’avanzamento della radio digitale nei rispettivi paesi. Differenti ma con le stesse conclusioni: la DigitalRadio DAB+ è ormai un elemento consolidato che porta nuovi contenuti, nuovi servizi ed una nuova esperienza d’ascolto, estremamente soddisfacente per chi la prova.

“L’Italia è uno tra i principali attori della radio digitale a livello internazionale – Eugenio Lateana per DigitalRadioIT – chi acquista un ricevitore digitale può fin da subito ricevere a livello nazionale 21 nuovi canali. Contenuti creati per un pubblico sempre più esigente con una qualità del suono e stabilità di ascolto un passo avanti rispetto alla radio analogica. Le coperture si stanno ampliando rapidamente e in maniera capillare. Oggi diventare ascoltatori di radio digitale è molto semplice, basta acquistare un ricevitore DAB+ nelle grandi catene di elettronica di consumo o su internet. Sulle auto è di serie su molti modelli ed è offerto come optional da tutte le case automobilistiche.”