Articoli

DAB+ in crescita continua dal 2017

La DigitalRadio prosegue la sua espansione guadagnando terreno ad ogni rilevazione (ricerca annuale su “Il sistema DAB+ in Italia” condotta da GFK Italia e commissionata da DAB Italia).

Sale la fiducia e la soddisfazione degli automobilisti e dei consumatori grazie alla qualità del suono e all’assenza di interferenze.

Altrettanto rilevante, la quota di autovetture nuove che sono dotate  del ricevitore DAB+ di serie .

Da gennaio a dicembre 2018, il possesso dichiarato di devices DAB+ è aumentato di 1,1 mio, un successo che dimostra l’interesse verso il medium radiofonico strumento indispensabile nella nostra vita quotidiana.

Le case auto si stanno preparando agli obblighi di legge che prevedono la DigitalRadio su tutti i modelli.

Una normativa italiana che sta trovando apprezzamento in altri paesi europei, la Francia ha di recente previsto un obbligo simile e altrettanto sta valutando la Germania.

Il 13 Febbraio è il World Radio Day

Mercoledì 13 febbraio è la Giornata Mondiale della Radio.

Gli operatori nazionali, pubblici e privati, che sviluppano il servizio della radio digitale terrestre DAB+ su tutto il territorio celebrano il World Radio Day 2019.

La data è stata istituita dall’Unesco nel 2011,  a ricordo del giorno in cui, nel 1946, è stata fondata la Radio delle Nazioni Unite.

L’UNESCO invita tutte le radio e le organizzazioni ad unirsi e celebrare il World Radio Day 2019, un’opportunità per rafforzare la diversità, la pace ed il dialogo.

La Radio riunisce persone e comunità di ogni provenienza per favorire un dialogo positivo per il cambiamento.

La Radio raggiunge il più vasto pubblico ed è riconosciuto come un potente strumento di comunicazione a basso costo.

La Radio è particolarmente adatta per raggiungere comunità remote e vulnerabili.

La Radio ha un ruolo forte e specifico nella comunicazione di emergenza e nel soccorso in caso di calamità.

La Giornata Mondiale della Radio 2019 celebra il potere della Radio nel promuovere il “Dialogo, Tolleranza e Pace” .

 

Radio Digitale, il Parlamento Europeo sostiene la dotazione del DAB+ in auto.

Ieri in sessione plenaria, il Parlamento europeo ha formalmente approvato  il nuovo Codice Europeo delle Comunicazioni Elettroniche. La presente Direttiva richiede che tutte le nuove autoradio nell’UE siano in grado di ricevere la radio digitale terrestre (DAB+). Questo requisito è in aggiunta a qualsiasi funzionalità FM o AM.

Il nuovo Codice Europeo facilita la transizione verso la radio digitale.

Il nuovo Codice Europeo garantirà a tutti i conducenti di auto, ovunque nell’UE l’abbiano acquistata,  l’accesso ai vantaggi che la radio digitale terrestre DAB+ offre:

  • una ricezione  stabile  con ottima qualità audio,
  • senza costi aggiuntivi,  senza abbonamento, 
  • un servizio libero, universalmente disponibile e non suscettibile di sovraccarico di dati,
  • maggiore scelta di programmi e servizi dati che verranno forniti a milioni di conducenti in tutta l’Unione europea.

I prossimi passaggi del procedimento legislativo della Direttiva saranno:  approvazione formale da parte del Consiglio e la pubblicazione in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea all’inizio del 2019. A  quel punto la Direttiva entrerà in vigore, dopo di che queste norme dovranno essere recepite entro due anni dalle legislazioni nazionali di ogni paese membro dell’Unione Europea.

In Italia è già  stata introdotta la legge che impone dal 1 giugno 2019  l’obbligo per importatori, catene commerciali e settore automobilistico di approvvigionarsi di ricevitori radio (autoradio, radio fisse da casa, radio portatili e smartphone con radio ) dotati del sistema di ricezione della radio digitale terrestre DAB+. Dal 1 gennaio 2020 l’obbligo si estende alla vendita al pubblico su qualsiasi piattaforma commerciale.

La Francia ha, già anni fa, approvato una legge che impone il medesimo obbligo quando la copertura dei servizi DAB + supereranno il 20% della popolazione nazionale. Nel contesto dell’ultima Assemblea generale del WorldDAB, appena conclusasi a Berlino, il CSA (Consiglio Superiore dell’Audiovisivo) ha dichiarato che molto probabilmente avverrà entro la fine del 2018.

Il testo completo è disponibile.

DigitalRadio DAB+, il suono perfetto si fa sentire

DigitalRadio DAB+, cresce la conoscenza della radio digitale,  aumenta la diffusione dei ricevitori.

Il totale dei ricevitori in uso in Italia sale a 3,7 milioni con un incremento rispetto alla precedente rilevazione del 13%, in aumento anche la conoscenza di questa tecnologia nota a oltre 10 milioni di italiani adulti (+14).

 Interessanti anche le motivazioni di acquisto dichiarate dagli intervistati. Il 33%, infatti, afferma di averla a disposizione sul proprio autoveicolo nuovo, il 36% sostiene di averla scelta per la qualità del suono e l’assenza di interferenze.

Questi sono i dati ricavati dalla ricerca commissionata da DAB Italia a GFK Italia per il monitoraggio della diffusione della DigitalRadio DAB+ nel nostro paese.

Dati positivi che si affiancano ad una continua progressione dell’area di copertura della DigitalRadio DAB+. L’operatore DAB Italia, grazie all’attivazione di nuovi impianti in zone rilevanti dal punto di vista sociale ed economico del paese, con particolare interesse alle direttrici di grande traffico, ha superato l’80% di popolazione servita in ricezione mobile outdoor.

La DigitalRadio DAB+ è presente in ogni regione italiana e ricevibile su oltre 5.000 km di strade di grande comunicazione.

DAB Italia ha in progetto di estendere ulteriormente l’area di copertura e di sperimentare, entro la fine del 2018, il servizio in galleria per soddisfare le esigenze di tutti gli automobilisti.

Gli operatori nazionali a supporto dello sviluppo del servizio della DigitalRadio DAB+ su tutto il territorio, da giugno 2018 adottano il nuovo logo internazionale condiviso nell’ambito dell’organizzazione WorldDAB che riunisce tutti i membri e attori dell’industria della radio digitale DAB+. L’adozione del nuovo logo – unico in tutto il mondo – ha lo scopo di incrementare la riconoscibilità della tecnologia e dei ricevitori digitali in tutti i mercati europei ed internazionali.

A breve, infine, prenderà il via il flight estivo della campagna di marketing 2018, che durerà per tutto il mese di Agosto su tutte le emittenti radio nazionali e molte locali. Con più di 1000 spot la campagna 2018 ha una copertura di oltre 23 milioni di ascoltatori. Gli operatori nazionali hanno ideato la nuova campagna marketing 2018 della DigitalRadio DAB+ “Dibidi-Dobidi-Dab”con 3 nuovi soggetti radio programmati per 5 flight distribuiti nell’arco dell’anno.

Gli operatori privati estendono ulteriormente le proprie reti DAB+

Nella seconda metà del 2017, gli operatori nazionali privati che sviluppano la radio digitale DAB+, DAB Italia e EuroDAB Italia, hanno attivato senza sosta nuovi impianti, alcuni a potenziamento del proprio servizio nelle aree dove il segnale era già ricevibile in mobilità outdoor, altri a servizio di nuove città e relativi tratti autostradali/strade principali.

Riportiamo integralmente l’ultima news sul sito di DAB Italia:

Nella seconda metà dello scorso anno,  DAB Italia ha attivato 11 nuovi impianti nelle regioni del Piemonte, Veneto, Lombardia, Trentino, Liguria, Umbria, Lazio e  Abruzzo. Dopo la pausa estiva, a settembre sono stati attivati 2 nuovi impianti in Piemonte a servizio delle città di Biella, Ivrea e zone limitrofe; a novembre ne sono stati attivati 3, il primo a servizio della città di Civitavecchia compreso il tratto autostradale tra Fregene e Tarquinia nel Lazio, a seguire la città di Terni e dintorni in Umbria e Belluno nel Veneto compresa una buona parte della Valbelluna; in volata finale nel mese di dicembre i nuovi impianti sono stati 6:  il primo a potenziamento del servizio su Bergamo e dintorni, a seguire l’impianto a servizio dell’alto Lago di Como e la parte della Valtellina che l’impianto di Sondrio non poteva servire, il terzo in Trentino a servizio della Valsugana e nello stesso giorno a Pedavena nel Veneto. Il 19 è stato attivato un nuovo impianto in Liguria su La Spezia e su tutto il Golfo dei Poeti, per ultimo finalmente è stato attivato l’impianto di Avezzano a servizio dell’intera Piana del Fucino in Abruzzo.

EuroDAB Italia ha attivato in Toscana un nuovo impianto a Firenze per coprire Firenze sud fino a tutta la Valdarno e un’altro ad Arezzo e relativo tratto autostradale A1; in Campania a Salerno e provincia, in Sicilia a Trapani e zone limitrofe, compresa la città di Marsala.

Buon ascolto, allora!

 

Sud Tirolo: si spengono i primi impianti FM

La RAS ha ulteriormente ampliato la rete trasmissiva della radio digitale DAB+. Ora il 99,5% della popolazione dell’Alto Adige può ricevere 22 programmi radiofonici con l’eccellente qualità del DAB+. E oggi sono stati disattivati i primi 19 impianti FM.

Il 99,5 percento della popolazione è raggiunta dalla radio digitale DAB+

 

La RAS ha ulteriormente ampliato la rete trasmissiva radiofonica DAB+ con la messa in esercizio di impianti trasmissivi presso le postazioni di Melago e di La Valle. Grazie ad 84 impianti digitali la RAS serve il 99,5 percento della popolazione dell’Alto Adige con 22 programmi radiofonici di eccellente qualità. In caso di acquisto di un nuovo apparecchio radiofonico o di un’autovettura si dovrebbe senz’altro optare per il DAB+.

 

La radio digitale consente una riduzione dei costi

 

Per la diffusione sul territorio provinciale di tre programmi FM la RAS esercisce 212 impianti trasmissivi. Sono invece sufficienti solo 84 impianti trasmissivi per la diffusione di 22 programmi radio digitali. Se si rapporta il numero degli impianti trasmissivi al numero dei programmi diffusi, emerge che la radio digitale DAB+ è 19 volte più efficiente! I costi d’esercizio calano quindi quasi al 5 percento per programma!

 

Spegnimento dei primi impianti FM

 

Dato che ormai grazie al DAB+ possono essere ricevuti su tutto il territorio provinciale molti programmi radiofonici di miglior qualità e che molte famiglie posseggono un apparecchio radiofonico digitale, la RAS ha disattivato i primi 19 impianti trasmissivi dei programmi Ö1, ORF Radio Tirol, Ö3 e Radio Rumantsch presso sei postazioni ricetrasmittenti. Ciò consente anche di ridurre gli alti costi d’esercizio.

Inoltre la RAS non intende investire ulteriormente denari pubblici nell’obsoleta tecnologia FM. Per proseguire la regolare gestione delle reti trasmissive FM, la RAS dovrebbe infatti sostituire impianti trasmissivi FM, che nel frattempo hanno raggiunto anche oltre 30 anni di esercizio. Lo spegnimento degli impianti FM consente di utilizzare tali impianti come ricambi per gli impianti ancora in esercizio e di evitare pertanto l’acquisto di nuovi impianti trasmissivi FM.

Alla fine del prossimo anno la RAS provvederà allo spegnimento di ulteriori 22 impianti FM.

 

Riepilogo dei motivi a favore dello spegnimento degli impianti FM:

 

  • Il 99,5 percento della popolazione dell’Alto Adige riceve 22 programmi radiofonici digitali.
  • Molte famiglie sono già in possesso di un apparecchio radiofonico digitale.
  • In commercio è reperibile un’ampia scelta di apparecchi a prezzi convenienti (a partire da 50 Euro).
  • L’offerta di programmi è molto più attraente: oltre all’Ö1, ORF-Radio Tirol e Ö3 sono disponibili altri 19 programmi con migliori qualità ricettiva e sonora.
  • La RAS non deve più investire nella vecchia tecnologia FM. Gli impianti FM dismessi possono essere utilizzati come pezzi di ricambio per gli impianti ancora in esercizio e non devono esserne acquistati di nuovi.
  • Diminuiscono i costi d’esercizio. Grazie allo spegnimento si riducono i costi relativi al consumo di energia elettrica ed alla manutenzione. Grazie al DAB+ i costi di diffusione calano quasi al 5 percento per programma diffuso!
  • In una prima fase sono spenti solo gli impianti FM di zone servite da altre postazioni, anche se più distanti e con un segnale qualitativamente inferiore.

 

Spegnimenti del 5.12.2017 (19 impianti trasmissivi presso sei postazioni ricetrasmittenti):

 

Postazione FM dismessa Ricezione con qualità inferiore dalla postazione
Anterselva: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Plan de Corones
Certosa: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Madonna di Senales (Maso Gfall)
Novale (Obereggen): Ö1, ORF Tirol, Ö3 Penegal
Santa Gertrude: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Santa Valburga
La Valle (Pederoa): Ö1, ORF Tirol, Ö3, Radio Rumantsch Col Alto
Prati di Vizze/Val di Vizze: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Monte Cavallo o Campo di Trens (Olmedo di Fuori)

 

Spegnimenti previsti a fine 2018 (22 impianti presso sette postazioni ricetrasmittenti):

 

Spegnimenti FM programmati Ricezione con qualità inferiore dalla postazione
Sonvigo Val Sarentino: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Cima Capra
Curon Venosta: Ö1, ORF Tirol, Ö3, Radio Rumantsch Alta Val Venosta (Montoni)
Maso Corto Val Venosta: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Madonna di Senales (Maso Gfall)
Braies: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Monguelfo o San Candido
Racines: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Campo di Trens (Olmedo di Fuori)
Renon Avigna: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Penegal
Nova Levante: Ö1, ORF Tirol, Ö3 Penegal

 

La radio, un mezzo vitale anche nell’era digitale

Il Governo italiano, con un emendamento alla legge di Bilancio 2018, ha proposto che al più presto tutti gli apparecchi radiofonici abbiano la contemporanea possibilità di ricevere i programmi analogici FM e quelli digitali DAB+.

IN ITALIA POTRANNO ESSERE VENDUTI SOLO RADIO CON DOPPIO SISTEMA ANALOGICO/ DIGITALE DAL 1 GENNAIO 2020.

In vista di ciò, a partire dal 1 giugno 2019 i negozi di elettronica e i portali internet non potranno più acquistare ricevitori radio che non abbiano il doppio sistema in modo da smaltire le scorte dei propri magazzini.

La scelta italiana si allinea con la posizione di altri 10 paesi europei dove lo sviluppo delle reti DAB+ hanno già raggiunto un ottimo livello di estensione e di servizio.

La decisione del Governo non prevede o prelude in alcun modo allo spegnimento delle reti analogiche FM che continueranno a diffondere i loro tradizionali programmi.

Venduti quasi 60 milioni di ricevitori DAB+ nel mondo

Oggi WorldDAB ha pubblicato il consueto aggiornamento dell’infografica sullo sviluppo della radio digitale DAB+ a livello mondiale. Fino al 2016 gli aggiornamenti avevano una cadenza trimestrale, da quest’anno diventano semestrali.

Il report include statistiche sulle vendite dei ricevitori  portatili e in-car, sulla copertura  della popolazione, delle aree metropolitane ed autostrade, penetrazione dei devices nei nuclei familiari, numero di programmi, nazionali pubblici e privati, trasmessi in DAB + rispetto a quelli solo analogici. I dati riguardano: il Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Italia, Olanda, Norvegia, Svizzera e Regno Unito, oltre all’Australia ed i mercati emergenti in Asia,  Medio Oriente ed Africa.

I risultati più eclatanti sono:

  • Norvegia: il processo di spegnimento dell’FM, oramai prossimo al completamento (dicembre 2017), ha dato un forte impulso alle vendite dei ricevitori digitali portatili e in-car (4.130.000)
  • Germania: 9.900.000  ricevitori digitali venduti e il 15% delle famiglie tedesche possiede almeno una radio digitale DAB+
  • UK: il 60% delle famiglie possiede una radio DAB e l’ascolto della radio in digitale sta raggiungendo il 50% della popolazione come già annunciato ad agosto dalle rilevazioni degli ascolti RAJAR
  • Olanda: nel primo semestre del 2017 il 35% delle auto vendute hanno il DAB+ di serie, il 9% in più rispetto allo stesso periodo del 2016 e oltre 2 milioni di persone ascoltano la radio in tecnica digitale come  dichiarato in un recente workshop svoltosi il 3 di ottobre
  • Insieme alla Francia e al Belgio, l‘Italia mostra costanti segnali  di crescita positiva con 1.343.000 ricevitori DAB+ (portatili e per auto)  e  il 28% delle auto vendute con la radio DAB+  (standard e optional)

E’ disponibile il download dell’infografica per approfondire i  dati.

IBC2017 Video: driving radio’s biggest transformation

IBC2017 Conferences

WorldDAB Session 

Digital Audio Broadcasting: driving radio’s biggest transformation

It is now available to watch online here

IFA 2017: sono molte le novità sulle radio digitali DAB+

IFA di Berlino – dal 1 al 6 Settembre 2017 – presenta i prodotti più recenti ed innovativi nel cuore del mercato più importante d’Europa.

Questa è la mappa dove visitare gli espositori internazionali di radio digitali DAB+ sia domestici sia per auto presenti quest’anno, mai in precedenza così numerosi a dimostrazione del crescente interesse del consumatore verso i device digitali per l’ascolto della radio.

Solo IFA offre una panoramica completa del mercato internazionale ed attrae ogni anno l’attenzione dei visitatori commerciali da più di 100 paesi.

Già IFA 2016 ha sottolineato la grande competenza nel suo ruolo di punto di incontro mondiale per l’industria e per lo scambio di informazioni.

  • L’esclusiva fusione di innovazione ed intrattenimento di IFA, presentata da più di 1.800 espositori,  ha attratto oltre 240.000 visitatori
  • La maggioranza dei visitatori commerciali provenienti dall’estero: 64.000
  • Lo spazio occupato è il più grande nella storia dell’IFA
  • In solo sei giorni, l’IFA 2016 ha generato un volume di ordini atteso pari a circa 4,5 miliardi di euro
  • Gli articoli redatti da giornalisti provenienti da 50 paesi hanno raggiunto 1,5 miliardi di persone in tutto il mondo.

Elementi di portfolio